#insiemecelafaremo

Caviro Extra e la distribuzione di alcol a farmacie e realtà sanitarie

Mai come in questo periodo si è assistito ad una richiesta di alcol a scopo disinfezione di proporzioni tanto ingenti. Fin da subito Caviro Extra, conscia del suo ruolo di produttore, si è mossa per soddisfare tutte le richieste provenienti da clienti vecchi e nuovi. Nel contempo è stato naturale pensare a quelle situazioni più critiche, come il rifornimento delle farmacie nel comprensorio faentino e forlivese.

Piccoli gesti, perché siamo convinti che #insiemecelafaremo.

Alcol denaturato in dono alle farmacie del territorio

inPiazza - Aprile 2020
caviro_extra_operazione_farmacie.pdf
L’impegno di Caviro Extra per fornire una risorsa essenziale per la disinfezione di ambienti e mani
“L’iniziativa ha coinvolto circa 50 farmacie del territorio di Faenza, Imola e Ravenna, al cui personale va la nostra gratitudine per il lavoro encomiabile che stanno svolgendo”

Le farmacie sono il primo fondamentale presidio sanitario sul territorio, ma in questi giorni di emergenza si trovano a operare in condizioni molto ardue. È proprio a sostegno delle farmacie, e dunque di tutta la comunità locale, che si è mosso il Gruppo Caviro con la donazione di oltre 500 litri di alcol denaturato: uno dei materiali nobili che la società Caviro Extra ottiene a partire dai sottoprodotti dell’industria agroalimentare e della lavorazione dell’uva, tra cui fecce e vinacce.

L’improvviso insorgere di focolai di Covid-19 nel Paese ha portato una serie di conseguenze immediate e non facilmente prevedibili. Fra queste si è evidenziata fin da subito la difficoltà nel reperire prodotti a base d’alcol necessari per la disinfezione di ambienti, oggetti e mani.

“Caviro Extra produce da sempre un alcol adatto alla realizzazione di tali prodotti - sottolinea Fabio Baldazzi, direttore generale Caviro Extra -, ma a livello logistico, organizzativo e burocratico l’azienda è strutturata per lavorare solo su ingenti quantitativi di prodotto. È la ragione per cui, ad esempio, non disponiamo di una catena di confezionamento interna. Tuttavia, vista la situazione critica e l’aumento di richiesta di alcol da parte di farmacie, ospedali e strutture sanitarie, l’agenzia delle dogane ci ha rilasciato il permesso alla vendita in piccole quantità e noi ci siamo attivati”.

Una volta ottenuto il permesso, è stata predisposta la donazione a tutte le farmacie locali di una tanica di 10 litri di alcol denaturato a 94°. “Organizzare questa erogazione in un momento non facile ha comportato un impegno ulteriore da parte del personale di Caviro Extra, che ha risposto con coesione a un compito nuovo e complesso - sottolinea Baldazzi - L’iniziativa ha potuto così concretizzarsi, coinvolgendo una cinquantina di farmacie nel territorio fra Faenza, Imola e Ravenna, al cui personale va la nostra gratitudine per il lavoro encomiabile che stanno svolgendo durante questa emergenza”.

All’iniziativa hanno fatto seguito le parole di riconoscenza delle varie farmacie; in particolare la presidente di Ravenna Farmacie, Bruna Baldassarri, ha scritto a Caviro: “Il vostro dono è particolarmente prezioso vista la difficoltà di approvvigionamento che incontriamo in questo periodo. È una donazione che, favorendo la sanificazione delle farmacie, contribuirà a garantire un servizio prezioso per tutta la cittadinanza”.

Vista l’importanza del servizio, Caviro Extra ha deciso di continuare a impegnarsi per garantire la disponibilità del prodotto e a fare il possibile per soddisfare le richieste che perverranno, specialmente da parte del settore farmaceutico.


News